Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Va bene Voglio saperne di più

Comunità Residenziale

Comunità residenziale “Le Querce”

La comunità residenziale per disabili - denominata “Le Querce” – può ospitare fino a 22 ospiti più due letti di pronta accoglienza e un mini appartamento.
Ubicazione - La Comunità è situata a Santa Maria di Zevio in Via Villaggio Rinascita 29, Verona. Il complesso è composto da una struttura collocata su tre piani con un giardino esterno.
Finalità e caratteristiche della struttura - Quattro sono le caratteristiche residenziali che sono state individuate, trasversali alle tipologie dei clienti, ovvero
progetto terapeutico
progetto educativo
scelta esistenziale
centro di pronta accoglienza.
Le prestazioni che il Servizio Comunità fornisce al suo interno sono fondamentalmente abilitative, educative e socio assistenziali, programmate per tutelare bisogni comuni e individuali, nel massimo rispetto della storia e della progettualità individuale dell’ospite e riferite così ai principi, ai modi, alle forme di vita di ciascuno, così da poter offrire alle persone accolte un clima ed un contesto di vita definibile come "il più normale possibile" (processo di 'normalizzazione'). La struttura si configura come una comunità residenziale per disabili gravi che riserva l’ospitalità a persone disabili adulte non autosufficienti e/o non autonome che, per vari motivi, si trovano nella condizione di abbandonare la propria famiglia per essere inseriti in un contesto abitativo protetto. Per contrastare gli elementi di disagio che accompagnano sempre una persona nella fase di cambiamento e di inserimento in comunità la struttura è orientata ad offrire un’effettiva accoglienza e deve rimanere integrata profondamente al contesto territoriale per poter favorire lo scambio sociale ed evitare il rischio di creare un luogo ‘speciale’ o ‘dedicato’. La struttura è dotata di tutti gli ausili che favoriscano la permanenza e l’assistenza di persone disabili gravi senza per questo perdere la caratteristica di abitazione normale in con un approccio che noi abbiamo definito ‘ecologico’.